ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Amministrative in Belgio. In primo piano la sfida ad Anversa

Lettura in corso:

Amministrative in Belgio. In primo piano la sfida ad Anversa

Dimensioni di testo Aa Aa

Le elezioni amministrative in Belgio assumono un significato altamente politico, con alla ribalta Anversa, seconda città del paese. Fra i candidati alla carica di sindaco c‘è il leader del partito separatista fiammingo Bart De Wever.

Una sua vittoria, in quello che è stato per decenni un bastione dei socialisti, sarebbe un segnale forte. Potrebbe invogliare la Nuova alleanza fiamminga a tentare la spallata al fragile accordo che tiene unito il paese dal dicembre del 2011 e che ha posto fine alla più lunga crisi politica mai sperimentata dal paese. Se il sindaco socialista uscente Patrick Jenssens fosse costretto a lasciare, l’accordo a 6 fra fiamminghi e walloni – di sinistra, di centro e di destra – avrebbe i giorni contati.

Inaspettatamente, il gradimento per l’amministrazione uscente potrebbe subire i contraccolpi anche degli incidenti tecnici riscontrati ai seggi, a causa del nuovo sistema di voto elettronico:

“Sono riuscita a votare, ma dopo un’ora di attesa. Alla mia età, essere costretta ad aspettare al freddo per così tanto tempo: è uno scandalo” dice un’anziana elettrice. In Belgio, votare è obbligatorio.

I sondaggi, alla vigilia del voto, davano risultati incerti per Anversa, con i due principali candidati testa a testa. Mentre in Vallonia i socialisti dovrebbero essere in grado di tenersi importanti città come Liegi e Charleroi.