ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: braccio di ferro tra giustizia e presidenza

Lettura in corso:

Egitto: braccio di ferro tra giustizia e presidenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Resta al suo posto il procuratore generale egiziano Abdel Meguid Mahmoud, rimosso dal presidente Mohammed Morsi dopo la controversa assoluzione dei responsabili della cosiddetta battaglia dei cammelli, lanciata contro i ribelli di piazza Tahrir, lo scorso febbraio.

Dietro al braccio di ferro tra esecutivo e magistratura, c‘è anche la bozza della nuova Costituzione che cambia i rapporti tra i poteri dello stato.

“Il Presidente della Repubblica ha il diritto di organizzarsi come vuole e secondo il parere degli esperti ma, quando si tratta della posizione del Procuratore generale, allora legge e Costituzione debbono essere rispettate”, spiega Abdel Meguid Mahmoud, che il capo dello stato ha nominato ambasciatore presso il Vaticano, “Io mi difendo e difenderò la mia posizione, l’indipendenza del Procuratore generale e dei giudici. Lascerò quest’ufficio solo se assassinato”.

E mentre le parti s’incontrano per cercare una soluzione concordata, sale a circa 200 il bilancio dei contusi degli ultimi scontri, avvenuti dopo il verdetto, tra sostenitori e oppositori del presidente Morsi e dei Fratelli musulmani.