ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Edward Hopper: un americano a Parigi

Lettura in corso:

Edward Hopper: un americano a Parigi

Dimensioni di testo Aa Aa

In mostra fino al 28 gennaio al Gran Palais di Parigi una retrospettiva del pittore americano Edward Hopper.

128 opere, in un percorso evolutivo che va dalla formazione, tra il 1900 e il 1925, fino al periodo della maturità, negli anni ’60.

È dal 2009 che Didier Ottinger, curatore della mostra, organizza l’esposizione e raccoglie i quadri.

“Il paradosso di Hopper è la sua reputazione” spiega Ottinger. “È considerato l’artista che incarna di più l’America, quando in realtà quello che ci mostra è il contrario del sogno americano. Gli Stati Uniti sono movimento, folla, energia frenetica e assoluta. Hopper invece è solitudine, immobilità, riflessione, meditazione. E questo non sempre è stato capito”.

I cambiamenti degli Stati Uniti nel ventesimo secolo. Questo il marchio di fabbrica dei quadri di Hopper.

Tra le opere esposte “Stanza d’albergo” e “Tramonto sulla ferrovia”.

“È una critica alla società americana, a come è diventata. Hopper è un testimone. Nacque nel 1882, visse in una piccola città sul fiume Hudson e assistette alla trasformazione incredibilmente veloce dell’America, che in pochi decenni divenne la prima potenza industriale del mondo” conclude Ottinger.

Troviamo anche quadri come “La collina del faro”, “Ufficio a New York” e un autoritratto dipinto alla fine degli anni ’20.