ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Russia e Iraq per "soluzione politica"

Lettura in corso:

Siria: Russia e Iraq per "soluzione politica"

Dimensioni di testo Aa Aa

Russia e Iraq in difesa di Bashar al Assad. Il premier iraqeno Nuri al Maliki vola a Mosca per ottenere armi e rifornimenti enegertici e si allinea alle posizioni del Cremlino sulla crisi siriana.

Nella sua prima visita a Mosca in tre anni e mezzo, il leader sciita dice no alle dimissioni dell’alawita Assad, posizione opposta ai leader sunniti del mondo arabo, ma che fa dell’Iraq il miglior alleato di Mosca nella regione.

Maliki ottiene dalla Russia un accordo per una fornitura di armi e blindati che sfiora l’equivalente di 4 miliardi di euro e apre il suo Paese agli investimenti delle multinazionali dell’energia, Gazprom e Lukoil in testa.

La mossa del Cremlino smarca Baghdad dalla dipendenza energetica e militare nei confronti degli Stati Uniti, le cui truppe hanno lasciato l’Iraq nel dicembre del 2011, e garantisce alla Russia l’accesso privilegiato al petrolio iracheno.