ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le Pussy Riot tra i finalisti del premio Sakharov

Lettura in corso:

Le Pussy Riot tra i finalisti del premio Sakharov

Dimensioni di testo Aa Aa

Le Pussy Riot, il trio punk femminile, diventato un caso internazionale dopo essere state arrestate per essersi esibite nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca in un brano anti Putin, sono tra i tre finalisti del Premio Sakharov. Il Premio dedicato ogni anno dal Parlamento europeo alla figura che più si è distinta per la difesa dei diritti umani e della libertà di espressione. Gli altri finalisti sono Ales Bialiatski, Nasrin Sotoudeh e il regista Jafar Panah.

Barbara Lochbihler, eurodeputata tra le fila dei versi afferma:“Abbiamo una buona rosa di nomi tra cui scegliere. Ora ci resta da vedere chi vincerà il Premio Sakharov. Già la semplice nomination è uno strumento importante a supporto della loro lotta per la libertà di pensiero”.

Ales Bialiatski è un avvocato bielorusso difensore dei diritti umani. Imprigionato dal Regime di Lukashenko. Mentre Nasrin Sotoudeh -avvocato-e il regista pluripremiato a livello internazionale Jafar Panahi sono due figure importanti dell’opposizione iraniana. Entrambi imprigionati dal regime di Ahmadinejad per aver mostrato la loro solidarietà verso i protagonisti dell’onda verde del 2009.
Il vincitore del Premio Sakharov verrà annunciato il prossimo 26 ottobre, mentre la premiazione avverrà in occasione della sessione plenaria del Parlamento europeo di dicembre a Strasburgo.