ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Politkovskaya: assassinio ancora avvolto dal mistero


Federazione russa

Politkovskaya: assassinio ancora avvolto dal mistero

A mettere in ombra Anna Politkovskaya, non riescono neppure i 60 anni di Putin. Sei anni fa la giornalista che sfidava il Cremlino, con le sue cronache cecene, moriva ammazzata. A commemorare la sua morte, su cui ancora non si è fatta piena luce, quest’anno familiari, amici, colleghi.

A Parigi, in occasione della giornata organizzata da Amnesty International per la libertà in Russia, euronews ha incontrato la figlia, Vera.

“Penso che non si voglia andare avanti con le indagini, non c‘è nessun interesse. Chi fa le indagini, ritiene di poter fare ciò che vuole”.

“I media dell’opposizione parlano del caso, non così la stampa di stato, perché ne parlino ci vuole un pretesto, che soltamente è alimentato dalle indagini. In effetti se c‘è qualche novità se ne parla, se no cade nel dimenticatoio”.

Era il 7 ottobre del 2006, la giornalista del giornale d’opposizione Novaïa Gazeta veniva ritrovata cadavere, uccisa con colpi d’arma da fuoco nell’ingresso della propria abitazione.

In sei anni, l’inchiesta procede tra lentezze e passi falsi.

Il 19 febbraio 2009, un primo processo si chiude con l’assoluzione di tre fratelli ceceni accusati di aver eseguito l’omicidio. Dopo il ricorso dei familiari e della pubblica accusa, l’inchiesta riparte. Il nuovo processo dovrebbe iniziare a breve, sei gli imputati.

Parliamo ancora di presunti esecutori, presunti organizzatori. Nessuna pista invece porta ai mandanti dell’omicidio.

Per la figlia della giornalista, la libertà di stampa in Russia è ancora una chimera.

“Mia madre ha sacrificato la propria vita per fare il suo mestiere, voleva raccontare la verità. In Russia per fare questo, per raccontare la verità, bisogna avere molto coraggio”.

Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, dal 1992 al 2011 in Russia sono stati assassinati 52 giornalisti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

No al pedaggio autostradale, un paese vicino Mosca chiede l'indipendenza