ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marocco: magistrati in piazza contro la corruzione

Lettura in corso:

Marocco: magistrati in piazza contro la corruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

Toghe in piazza in Marocco contro la corruzione nel sistema giudiziario, nella prima mobilitazione del dopo primavera araba.

Chiedono autonomia e condizioni lavorative adeguate, gli 800 magistrati che, a questo fine, hanno organizzato un sit-in di protesta davanti alla Corte di cassazione di Rabat.

“Non abbiamo protezioni né diritti, abbiamo stipendi miseri, lavoriamo in condizioni catastrofiche”, spiega Nazik Bekkal, giudice a Sidi Kassem, “non siamo autonomi e questa è la cosa più importante: l’autonomia e l’indipendenza del potere giudiziario, è ciò che chiediamo”.

Tutte misure già promesse loro dal re. Per far fronte alla contestazione nascente, infatti, Mohammed VI ha varato una serie di riforme e dichiarato guerra alla corruzione.

Misure troppo lente e spesso inefficaci, denuncia ora la magistratura in piazza.