ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruciano i souk di Aleppo

Lettura in corso:

Bruciano i souk di Aleppo

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito siriano frena l’avanzata dei ribelli ad Aleppo, dove anche gli storici souk rischiano di scomparire nei combattimenti. Le forze ostili a Bashar al Assad giovedì hanno lanciato quella che nei loro piani avrebbe dovuto essere l’offensiva finale per conquistare la più grande città della Siria, fino a prima dell’esplosione del conflitto capitale economica del Paese ora ridotta in macerie. Ma il traguardo non è stato raggiunto, almeno per ora.

Intanto bruciano i souk, dedali di vicoletti costellati di negozi di ogni genere, un tempo tra le principali attrazioni turistiche, situati in un posto diventato strategico: sotto la cittadella da dove – secondo gli oppositori – i militari e i cecchini di Assad colpiscono.

Oltre un anno e mezzo di violenza ha fatto più di trentamila morti – secondo cifre degli attivisti siriani dei diritti umani – e ha anche intaccato gran parte dei luoghi iscritti alla lista del Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco.