ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca: le elezioni in Bielorussia "libere e aperte"

Lettura in corso:

Mosca: le elezioni in Bielorussia "libere e aperte"

Dimensioni di testo Aa Aa

Secondo Mosca il voto in Bielorussia è stato libero e aperto. La Russia difende le elezioni politiche che domenica hanno sancito un plebiscito per Alexander Lukashenko – che gli osservatori della Osce hanno però bocciato, definendo fantoccio il nuovo parlamento.

Incalza l’opposizione, totalmente esclusa dai giochi, che hanno invece consolidato il potere ormai ventennale de presidente. “Le cosiddette elezioni non si sono mai tenute, dunque non ci possono essere conseguenze legali per la Bielorussia e i suoi cittadini – dice il leader del Partito Civico Unito Anatoly Lebedko -. Non abbiamo un parlamento, non abbiamo membri eletti del parlamento, abbiamo solo un grande buco nero”. “Le autorità hanno imparato a fare – intendo dire fare – risultati elettorali anche senza la partecipazione degli elettori ai seggi – dice il presidente del partito Cristiano-democratico Vitaly Rymashevsky -. Il boicottaggio ha avuto successo in tutte le grandi città della Repubblica della Bielorusia”.

Il voto di domenica – boicottato dai principali partiti di opposizione – isola ulteriormente a livello internazionale la Bielorussia, sempre più nell’orbita di Mosca. Il rischio più immediato per Minsk è ora un inasprimento delle senzioni europee, forse già a ottobre.