ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Valanga Himalaya: poche le speranze di trovare sopravvissuti

Lettura in corso:

Valanga Himalaya: poche le speranze di trovare sopravvissuti

Dimensioni di testo Aa Aa

Si affievoliscono le speranze di trovare sopravvissuti della più grave catastrofe sulle vette del mondo in quasi vent’anni. In Nepal i soccorritori hanno sospeso le operazioni di ricerca di superstiti della valanga che domenica ha ucciso un gruppo di alpinisti impegnati nella scalata al monte Manaslu.

Tra i morti anche l’italiano Alberto Magliano. Sopravvissuto, uno dei suoi compagni di spedizione racconta: “Erano circa le 4.30, le 4.15 – dice Christian Gobbi -. Ci siamo svegliati e abbiamo sentito il vento soffiare, poi abbiamo sentito della neve sulla nostra tenda. La tenda è stata ricoperta e abbiamo iniziato a scivolare verso il basso per una quindicina di secondi, poi ci siamo fermati. Il nostro amico era in una tenda, molto vicino a noi, ma noi siamo vivi, lui è morto”.

Il morti sul monte Manaslu – l’ottava vetta più alta del mondo, a oltre 8000 metri nella catena dell’Himalaya – sarebbero almeno otto, tredici secondo alcune fonti. Sei, o forse di più, i dispersi. Il numero delle vittime avrebbe potuto essere ancora più alto. Il giorno prima, due spedizioni avevano rinviato la partenza dal campo base.