ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio: camionisti protestano contro concorrenza dell'Est

Lettura in corso:

Belgio: camionisti protestano contro concorrenza dell'Est

Dimensioni di testo Aa Aa

A passo di lumaca contro la concorrenza dell’est Europa. I camionisti delle Fiandre protestano in Belgio contro quella che definiscono una competizione sleale, fatta di bassi salari e pessime condizioni di lavoro.

Hanno rallentato il traffico austradale, raggiungendo Bruxelles a un’andatura di 50 Km/h.

“I camionisti provenienti dall’est Europa guidano per cinquanta centesimi di euro al chilometro – spiega Dirk Segers del sindacato degli autotrasportatori – È terribile, non si può guidare a questi prezzi, il nostro onorario deve essere di due euro al chilometro, minimo”.

Secondo i sindacati, l’apertura dei confini all’interno dell’Unione europea, senza aver armonizzato le legislazioni, ha provocato la distruzione del mercato dell’autotrasporto nei Paesi occidentali.

“Da gennaio ad oggi, in Belgio sono fallite un centinaio di aziende – conclude Segers – Bisogna finirla, stiamo svendendo il Belgio, è terribile”.

Centinaia di camionisti si sono radunati alle porte della capitale belga con lo slogan ‘stesso lavoro, stesso salario’. I loro nemici non sono i colleghi dell’Est, ma quelle compagnie che fuggono dal ricco ovest per sfruttare la manodopera a basso costo.