ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

No all'autonomia fiscale per la Catalogna. È rottura tra Barcellona e Madrid

Lettura in corso:

No all'autonomia fiscale per la Catalogna. È rottura tra Barcellona e Madrid

Dimensioni di testo Aa Aa

Madrid e Barcellona ai ferri corti. Lo scontro politico e le aspirazioni indipendentiste sono esplosi all’ombra della crisi.

Il premier spagnolo Marian Rajoy ha detto no alla rinegoziazione del patto fiscale con la Catalogna e alla gestione esclusiva del fisco nella regione.

È necessaria – ha ribadito Rajoy – la coesione e non la divisione del Paese, innescando la reazione del del governatore catalano Artur Mas: “Di fronte alla risposta negativa di negoziare il patto fiscale prenderemo decisioni importanti nei prossimi giorni. Non nei prossimi mesi, ma nei prossimi giorni – ha sottolineato Mas – Non siamo impazziti. Il fatto che vogliamo essere catalani, oggi e in futuro, non vuol dire che siamo pazzi. La nostra aspirazione è l’Unione europea e la nostra moneta è l’euro e vogliamo che lo resti. Pertanto, le decisioni che prenderemo saranno all’interno del contesto Unione europea e euro”.

La Catalogna è la regione più ricca della Spagna e non vuole pagare i costi della crisi. L’11 settembre scorso, nella Giornata Nazionale della Catalogna che ricorda la sconfitta degli indipendentisti nella Guerra di Successione, oltre 1 milione di persone sono scese in strada a Barcellona per chiedere l’indipendenza.