ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

India: negozianti in sciopero ma il governo non cede

Lettura in corso:

India: negozianti in sciopero ma il governo non cede

Dimensioni di testo Aa Aa

Serrata quasi totale dei negozianti indiani contro l’ingresso della grande distribuzione e il caro carburanti decretato dal governo di Manmohan Singh.

Secondo la Confederazione che riunisce 10 mila sindacati, l’obiettivo dei 50 milioni di scioperanti è stato raggiunto.

Ma la massiccia mobilitazione non ha fatto cambiare idea all’esecutivo, che non ferma la liberalizzazione del settore neppure dopo l’uscita dalla coalizione di un partito del West Bengala in polemica contro la riforma.

“La questione è se gli investimenti stranieri saranno la fine dell’India” commenta una manifestante, “e se a pagare sarà la gente comune e la classe media”.

Serrande abbassate nei principali centri urbani, convinti anche i recalcitranti.

Autobus e camion si sono uniti all’agitazione contro l’aumento del prezzo dei carburanti.

Bloccati i trasporti pubblici e alcune linee ferroviarie nel nord.

A cavalcare la protesta, i partiti di opposizione, che puntano a conquistare voti in vista delle prossime elezioni nei diversi stati.