ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Film anti-Islam. Alta tensione in attesa del venerdì della collera

Lettura in corso:

Film anti-Islam. Alta tensione in attesa del venerdì della collera

Dimensioni di testo Aa Aa

Le autorità francesi hanno disposto la chiusura di ambasciate scuole e istituti di cultura in una ventina di paesi mussulmani. La tensione è altissima in vista del venerdì di preghiera che vedrà manifestazioni e proteste contro il film anti-islam prodotto negli Stati Uniti, ma anche contro le vignette su Maometto pubblicate da Charlie hebdo e giudicate offensive dalla comunità mussulmana.

La guerra di usura continua. Esaurito, il settimanale satirico francese è stato ristampato e sarà di nuovo in edicola. La manifestazione di protesta prevista a Parigi è stata vietata e successivamente annullata. Ma anche nei paesi islamici gli esecutivi temono incidenti e stanno vietando gli assembramenti.

Come a Tunisi, dove il governo ha preferito ritirare le autorizzazioni a manifestare, visto il tono che stavano prendendo su internet gli appelli a scendere in piazza. In Pakistan si sono già verificati incidenti. Una folla si è riversata nel quartiere delle ambasciate di Islamabad. Bilancio: 40 feriti. Per respingere l’assalto alla zona rossa sono dovute intervenire le forze speciali.