ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vignette su Maometto nei media, Francia in allerta

Lettura in corso:

Vignette su Maometto nei media, Francia in allerta

Dimensioni di testo Aa Aa

Il settimanale Charlie Hebdo esce in Francia con vignette satiriche su Maometto.

Olio sul fuoco acceso nel mondo dal film che offende il profeta, afferma il governo francese che per precauzione rafforza la sicurezza e venerdì chiude ambasciate e scuole in 20 paesi.

Il direttore del giornale, Stephane Charbonnier, difende la sua scelta: “Non è più provocatorio del solito. Tutto dipende da chi si ha di fronte, da chi sono i lettori”.

Chiamano alla calma le autorità spirituali islamiche in Francia, anche se non apprezzano:

“Penso che tutto ciò vada al di là della ragione, del buon senso”, commenta Dalil Boubakeur della moschea di Parigi, “e direi addirittura della responsabilità”.

Il sito del settimanale è sotto attacco informatico, protetta dalla polizia la sede, bruciata l’anno scorso per un’edizione speciale contro il radicalismo islamico.

Charlie Hebdo chiede al premier di difendere la libertà della stampa:

“Se davvero ci sono delle persone che si sentono offese nelle loro idee e pensano che la legge non sia stata rispettata, siamo in uno stato di diritto che in quanto tale deve essere totalmente rispettato”, ha dichiarato il primo ministro Jean-Marc Ayrault, “Possono quindi ricorrere ai tribunali, come è già successo, anche con questo settimanale. C‘è poi la responsabilità di chi dirige questo giornale e che decide cosa fare e non fare”.

A Parigi, intanto è stata aperta un’inchiesta sulla protesta non autorizzata di sabato scorso all’ambasciata americana. E non ha ricevuto il nullaosta neanche la manifestazione prevista per sabato prossimo contro il video anti-Islam.