ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudafrica, accordo fatto alla miniera Marikana

Lettura in corso:

Sudafrica, accordo fatto alla miniera Marikana

Dimensioni di testo Aa Aa

Si chiude una delle pagine più tragiche del Sud Africa post apartheid. I lavoratori della miniera di platino di Marikana, situata 100 chilometri a nordest della Capitale Johannesburg hanno siglato un accordo coi proprietari della Lonmin. Nell’intesa accettano un incremento della retribuzione che va dall’11 al 22 per cento per porre fine a sei settimane di proteste, più volte represse nel sangue.

“Quest’accordo pone le basi riguardo a come intendiamo concepire per il futuro la contrattazione collettiva” ha affermato Abey Kgotle, manager dell’azienda mineraria.

Col massimo degli aumenti, il salario sale a 11.000 rand mensili, pari a poco più di 1.000 euro.

“La firma di questo accordo – chiarisce il rappresentante sindacale Joseph Mathunjwa – apre un nuovo capitolo, ma davanti a noi c‘è ancora tanta strada da fare per cambiare le vite della classe lavoratrice in Sudafrica. Naturalmente c‘è grande rammarico per le vite che sono state perse lungo questo cammino”.

Alle 45 vittime delle proteste è stata dedicata una preghiera che ha visto riuniti sindacalisti, lavoratori e rappresentanti della proprietà.

Poi via libera ai festeggiamenti, allo stadio Wonderkop, non lontano da dove sorge la miniera dove i lavoratori, da giovedì, torneranno a prestare la propria opera.