ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Violenze in Afghanistan, la Nato limita le operazioni congiunte

Lettura in corso:

Violenze in Afghanistan, la Nato limita le operazioni congiunte

Dimensioni di testo Aa Aa

Crescendo di violenza in Afghanistan, a rischio gli stranieri e i caschi blu, in un clima reso incandescente dal degenerare delle proteste contro il film anti-Maometto.

L’ultimo attentato a Kabul: una donna, forse a bordo di un’autobomba, si è fatta esplodere vicino a un minibus, sulla strada per l’aeroporto. Almeno dodici i morti, tra cui otto sudafricani, diversi i feriti.

Un attacco, il più grave dopo quello di aprile costato la vita a nove statunitensi,
rivendicato dai fondamentalisti del Partito Hezb-i Islami. Una rappresaglia contro la pellicola blasfema che infiamma le piazze afghane: ieri scontri e feriti a Kabul, oggi nel nord, a Kunduz.

La Nato, con oltre 50 uomini uccisi da gennaio a oggi, ha deciso di limitare le operazioni congiunte.

Una scelta che potrebbe complicare il trasferimento della sicurezza alle forze afghane previsto entro la fine del 2014.