ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La contesa delle isole tra Cina e Giappone colpisce l'economia

Lettura in corso:

La contesa delle isole tra Cina e Giappone colpisce l'economia

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuove manifestazioni contro il Giappone in Cina per le isole contese tra Tokyo e Pechino.
Chiusa al traffico e transennata dalle forze dell’ordine la strada che porta alla sede diplomatica della capitale nipponica.
Sorvegliato il corteo dei dimostranti lungo tutto il percorso.

Preoccupano soprattutto le ripercussioni economiche causate dalla chiusura temporanea di numerose imprese giapponesi in Cina.

“Penso che questa crisi non avrà grandi ripercussioni sui mercati finanziari dei due paesi” -commenta Frances Cheung, analista di Crédit Agricole CIB.
“Ma per quanto riguarda esportazioni e importazioni potrebbe esserci un impatto maggiore”.

Diversi negozi di abbigliamento hanno abbassato le saracinesche.
Colpita anche l’industria automobilistica: Toyota e Honda hanno temporaneamente chiuso numerosi punti vendita sulla costa orientale.

“Penso che sia un bene per il Giappone” – dice Peter So, capo della ricerca di CCB International – “continuare ad avere fabbriche in Cina per rispondere alla domanda commerciale del paese del Sol Levante. Credo che sul medio-lungo termine il Giappone cercherà ancora di aumentare i suoi scambi commerciali con Pechino”.

Intanto undici navi della Marina cinese sono state rilevate finora intorno a Uotsuri, la più’ grande delle isole contese. Si tratta di dieci imbarcazioni di sorveglianza marittima e di una motovedetta di pattuglia.