ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia, leader salafita sfugge alla polizia dopo il sermone in moschea

Lettura in corso:

Tunisia, leader salafita sfugge alla polizia dopo il sermone in moschea

Dimensioni di testo Aa Aa

Il clima resta incandescente a Tunisi, dopo le manifestazioni di venerdi’ scorso di fronte alla sede dell’ambasciata americana. Oggi, piu’ di un migliaio di uomini della polizia ha accerchiato la moschea de El Fath in cui stava predicando Abou Iyadh, uno dei leaders salafiti responsabili dell’attentato.
Durante il suo sermone, all’esterno della moschea giovani simpatizzanti hanno continuato a sfidare la polizia con grida che inneggiavano a Osama Bin Laden, l’indimenticato capo di al Quaida ucciso da un commando americano.

La polizia è sulle tracce del leader salafita da venerdi’ scorso, dopo gli scontri che hanno provocato quattro morti. Dopo aver condannato su facebook il film che ridicolizza Maometto, “L’innocenza dei mussulmani”, oggi il capo jihadista ha attaccato nel suo discorso il ministro dell’Interno Ali Laarayedh, esponente di punta del partito confessionale Ennahdha al potere, invitandolo alle dimissioni.