ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles, indignazione contro gli espatriati del fisco francese

Lettura in corso:

Bruxelles, indignazione contro gli espatriati del fisco francese

Dimensioni di testo Aa Aa

“Basta approfittare del fisco belga”. Con questo slogan Bruxelles è scesa in piazza contro i paperoni francesi. Bernard Arnault non sembra l’unico milionario ad aver chiesto di cambiare nazionalità. L’elenco dei nuovi aspiranti cittadini belgi aumenta di giorno in giorno. La ragione, la convenienza fiscale.

Come ci spiega un avvocato fiscalista:“In Belgio non abbiamo tasse sulle plusvalenze ottenute dalle cessione di un portafoglio di titoli, contrariamente a quanto accade in Francia. In Belgio non esiste una tassa patrimoniale, che pochi Paesi al mondo hanno applicato, inoltre le donazioni di beni mobili sono tassate fino a un massimo del 7%, cifra ben più alta in Francia”.

La dottrina Hollande non rischia che aumentare la fuga dell’alta borghesia francese dal fisco nazionale. Il presidente socialista ha annunciato la tassazione del 75% dei redditi oltre il milione. Caroline Lucidi-Joubert è un’immobiliarista. I suoi clienti sono per lo più francesi. Da settimane osserva un costante aumento di nuovi clienti. Spiega Caroline:“Sono sempre più giovani. Soprattutto famiglie con figli a carico. Quaranta, cinquantenni. Poi c‘è la clientela dei pensionati, o di persone che avendo smesso di lavorare vogliono proteggere il loro patrimonio”.

Alain Lefebvre, si è trasferito in Belgio nel 2005 per trovare condizioni fiscali migliori rispetto alla Francia. Oggi è l’editore di un giornale rivolto proprio agli espatriati del fisco. Nonostante la sua scelta, mostra un atteggiamento pentito rispetto al passato.
“In francia siamo più egalitari” afferma Alain, che aggiunge:“Non ci piace essere superati, non amiamo troppo la gente di successo, cosi come non amiamo gli imprenditori. Imprenditore, padrone, è una parola grossa in Francia”.

Se è vero che in Belgio i capitali godono d’imposte piu basse lo stesso non può dirsi per il lavoro. Per gli oltre 200 mila lavoratori francesi residenti oltre confine, il fisco belga ha tutto un altro significato.