ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, si indaga sull'attacco all'ambasciata Usa

Lettura in corso:

Libia, si indaga sull'attacco all'ambasciata Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

Occhi puntati sulla Libia dove Cia e Fbi in stretto coordinamento con Tripoli indagano sull’attacco alla sede di rappresentanza statunitense a Bengasi costata la vita all’ambasciatore, un agente dei servizi segreti e due marines.
 
Per fare luce sulla morte di Chris Stevens che, secondo fonti mediche locali, è rimasto soffocato dai fumi dell’incendio divampato all’interno: “Sul suo corpo non c’erano lividi, non c’era nulla, nessuna ferita – spiega il dottore Ziad Abu Deid del Centro Medico di Bengasi. Si sentiva solo l’odore del fumo, la mia conclusione è che sia morto principalmente per soffocamento.”
 
Il film su Maometto considerato ‘blasfemo’ potrebbe essere stato solo un pretesto per l’assalto come spiega Emile Hakayem, International Institute for Strategic Studies: “Il modo sofisticato in cui è stato condotto l’attacco, il numero dei combattenti impiegati, la potenza del fuoco esploso: tutto lascia pensare che si sia trattato di un’operazione premeditata”.
 
Il presidente Barack Obama ha, intanto, annunciato l’invio in Libia di un’unità anti-terrorismo di marines composta da 200 uomini.