ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Film anti-Islam: divampa la protesta musulmana

Lettura in corso:

Film anti-Islam: divampa la protesta musulmana

Dimensioni di testo Aa Aa

Dilaga la protesta musulmana, accesa dal film che irride Maometto, prodotto negli Stati Uniti .

A San’a’ i manifestanti hanno dato l’assalto e incendiato l’ambasciata statunitense.

La polizia ha evacuato la sede diplomatica e disperso i cortei a colpi di idrante. Negli scontri, un dimostrante è rimasto ucciso, diversi i feriti.

Il presidente yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi ha ordinato un’inchiesta e presentato lesue scuse a Washington.

Disordini, sassaiole e lacrimogeni continuano anche al Cairo, concentrati nel grande viale tra l’ambasciata statunitense e piazza Tahrir.

Il presidente egiziano Mohamed Morsi, in visita a Bruxelles, condanna le violenze e giudica inaccettabile il video anti-Islam, mentre i Fratelli musulmani chiamano la piazza a un venerdì di protesta pacifica.

Dalla Libia all’Afghanistan, dalla Palestina all’Iran, va in scena la rabbia musulmana, cavalcata spesso dagli estremisti.

Come a Baghad, dove miliziani sciiti della Lega dei Giusti hanno sfilato in corteo. Minacciano attacchi contro obiettivi americani e giurano: non perdoneremo mai l’offesa contro il Profeta.