ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rasmussen:"In Afghanistan è necessario un equilibrio tra sicurezza e sovranità nazionale"

Lettura in corso:

Rasmussen:"In Afghanistan è necessario un equilibrio tra sicurezza e sovranità nazionale"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mantenimento della giurisdizione su alcuni dei detenuti del carcere di Bagram da parte degli Stati Uniti non è per il Segretario Generale della Nato, Andres Fogh Rasmussen, segno di sfiducia nei confronti del Governo di Kabul.

Intervistato da Euronews afferma: “Il passaggio dei detenuti nelle mani del governo afgano è soltanto una parte della più ampia transizione agli afgani delle responsabilità relative alla sicurezza.
Certamente, però, dobbiamo anche fissare un giusto equilibrio tra la sovranità del governo afgano e la sicurezza del suo esercito e delle nostre truppe”.

Secondo Rasmussen il progressivo ritiro delle truppe Nato dall’Afghanistan sta procedendo nel modo più corretto: “L’obiettivo era ed è rimasto lo stesso: evitare che il Paese torni a essere un porto sicuro per i terroristi che potrebbero usarlo come base per attacchi contro le nostre società. E in questo senso la nostra operazione è stata un grande successo. Non c‘è stato alcun attacco terroristico elaborato, pianificato qui in Afghanistan”.

Dei circa 3000 detenuti di Bagram, solo una cinquantina rimarranno sotto la responsabilità delle autorità statunitensi. Ma Kabul parla già di attacco alla sovranità nazionale.