ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi. Il futuro della Grecia nella mani della Troika. Domani nuovo giro di consultazioni

Lettura in corso:

Crisi. Il futuro della Grecia nella mani della Troika. Domani nuovo giro di consultazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Salvare la Grecia a tutti i costi. L’incubo di un effetto domino, in caso di default, preme su Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea e Bruxelles. Domani ad Atene nuovo giro di consultazioni tra i rappresentanti della Troika, e il governo greco. 
 
In agenda l’attuazione del programma per l’adeguamento di bilancio e le riforme economiche in vista della nuova tranche di aiuti da 31 miliardi e mezzo di euro. E proprio contro questo piano di austerità, che prevede nuovi tagli per 11 miliardi, nella capitale e a Salonicco la gente esasperata è scesa di nuovo in piazza.
 
E’ una corsa contro il tempo dove, secondo il finanziere greco Soros, Berlino dovrebbe fare molto di più. Come dire prendere o lasciare. “Se la Germania non e’ disposta a modificare la sua posizione in merito alla promozione della
crescita nell’Eurozona, dovrebbe uscire dalla moneta unica. Il fronte comune e’ in grado di mettere Berlino davanti alla scelta finale: o accetta la leadership o fuori”.
 
Gli scenari non sono rassicuranti. Per il premier Samaras il Paese senza l’euro morirebbe, ma la tensione sociale monta ogni giorno di più. I greci sono esausti. Pensionati, studenti, lavoratori, disoccupati. Troppi i sacrifici in nome dell’Europa, troppi i tagli varati per soddisfare le condizioni e degli organismi internazionali.