ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia. Massacro in Alta Savoia. Alla ricerca del movente

Lettura in corso:

Francia. Massacro in Alta Savoia. Alla ricerca del movente

Dimensioni di testo Aa Aa

Chi era Saad al-Hilli, l’uomo assassinato con la moglie e la suocera sulle alpi francesi? Dopo il massacro della famiglia britannica di origine irachena a Chevaline, vicino al lago di Annecy, gli inquirenti sono alla ricerca della pista che li porti al movente.

Al-Hilli, cinquant’anni, ingegnere, si era trasferito in Gran Bretagna oltre vent’anni fa. La famiglia della moglie Iqbal, dentista, aveva anche il passaporto svedese. La coppia, con le due figlie, le uniche scampate alla strage, viveva in un quartiere chic alle porte di Londra.

Ad una radio britannica un conoscente ha rivelato che Al-Hilli gli aveva confidato di sentirsi minacciato nell’ambito del suo lavoro. Nessun problema invece, dal punto di vista sociale e personale, come spiega un vicino di casa:

“Per me è un grande shock. Sono senza parole perché lo conosco da tanto tempo e non avrei mai immaginato che a lui o alla sua famiglia potesse succedere una cosa del genere. Sono molto triste per le due bambine che sono rimaste sole”.

Le piccole, di 7 e 4 anni, si sono salvate in modo rocambolesco. La maggiore, ferita, è stata forse creduta morta dal o dai killer, ma se la caverà. La più piccola si è salvata nascondendosi fra i bagagli e il corpo della madre, dove è rimasta ferma e zitta per 8 ore prima di essere scoperta dai soccorritori.