ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Singh e il sogno bollywoodiano

Lettura in corso:

Singh e il sogno bollywoodiano

Dimensioni di testo Aa Aa

Una storia che sembra fatta apposta per una pellicola in rigoroso stile bollywoodiano. Non potrebbe essere altrimenti, in considerazione della provenienza del protagonista.

Yuvraj Singh, 30 anni, è un famoso giocatore di cricket indiano.

L’anno scorso, gli è stato diagnosticato un cancro al polmone sinistro, in conseguenza del quale si è curato negli Stati Uniti, per l’esattezza a Boston.

La notizia, peraltro buona, è che Singh è guarito e tornato in India, dove gli è stato peraltro conferito il Premio Arjuna, seconda più alta onorificenza sportiva.

“Non vedo davvero l’ora di scendere di nuovo in campo – ha dichiarato ai giornalisti presenti in conferenza a Mumbai -, mi sento molto emozionato. Non sto piu’ nella pelle, voglio prendere la mazza, stare in piedi in qualsiasi parte del campo. Non vedo l’ora di rientrare in questo ambiente, perché ci sono avvezzo, avendolo praticato per piu’ di 16 anni, in pratica da quando ero un ragazzino”.

L’indiano, che ha lanciato la fondazione YouWeCan, col fine di combattere la malattia, diffondendone la consapevolezza, tornerà al cricket internazionale giocato già questo mese, in coincidenza del World20, che si svolgerà nello Sri Lanka.

Un racconto a lieto fine, come dentro un film in cui la star assorge a nuova vita, riceve un’altra chance, la seconda (Singh Singh…).