ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il genoma umano senza più veli

Lettura in corso:

Il genoma umano senza più veli

Dimensioni di testo Aa Aa

Ora sappiamo perchè e per come l’uomo non è un topo. Dieci anni di studi, 400 genetisti, una trentina di laboratori in mezzo mondo: a Londra è stata presentata ‘Encode’, l’Enciclopedia degli Elementi del Dna. Un mosaico completo dal quale scopriamo, tra l’altro, che circa l’80% del genoma, incluse le sequenze apparentemente prive di senso, svolge funzioni importanti.

“Dieci anni fa c’era il genoma umano, che era un po’ come avere un grosso libro in russo” dice il Dr. Ewan Birney, dell’Encode Project. “Molto grosso, molto importante, ma è in russo e io il russo non lo conosco. Quindi, ecco, questa è la prima traduzione sistematica del libro e quel che è sorprendente è che è a tal punto pieno d’informazioni da far girare la testa”.

Il colossale lavoro ci fa comprendere che quello che finora era stato etichettato come Dna spazzatura, presupponendo la sua inutilità – il 98% della struttura a doppia elica – ha invece un ruolo attivo nella definizione del codice genetico.