ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Germania ricorda gli atleti israliani uccisi alle Olimpiadi di Monaco nel 1972

Lettura in corso:

La Germania ricorda gli atleti israliani uccisi alle Olimpiadi di Monaco nel 1972

La Germania ricorda gli atleti israliani uccisi alle Olimpiadi di Monaco nel 1972
Dimensioni di testo Aa Aa

La Germania ha ricordato il massacro della delegazione olimpica israeliana. A Fürstenfeldbruck, sulla pista dell’aeroporto dove si consumò l’ultima parte della tragedia, si è svolta una cerimonia per commemorare il quarantesimo anniversario di Monaco ’72, quando un commando palestinese di Settembre Nero uccise undici atleti.

“Siamo tutti uniti – ha detto Charlotte Knobloch, vice presidente del Congresso Ebraico Mondiale dopo aver polemizzato con Londra che agli ultimi giochi non ha voluto osservare un minuto di silenzio – per noi, in Baviera e in Germania, essere insieme e uniti significa comprenderci ed è un dovere sacro dare un segnale chiaro e potente di pace, libertà e speranza. È un gesto per preservare e sostenere i valori comuni”.

Corone di fiori e candele nell’ex villaggio olimpico dove il commando uccise due atleti e ne prese altri nove in ostaggio. Presente anche Dan Alon, ex schermidore della nazionale israeliana, sopravvissuto alla strage: “Sembra ieri. Davvero. I sentimenti sono molto forti. Emotivamente, specialmente quando sto qui, di fronte alla numero due. La stanza che scelsi e in cui entrai prima di tutti gli altri. È stato il destino, uno ‘Schicksal’ come si dice in tedesco. Ed è molto duro, molto difficile essere qui”.