ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Spagna aumenta l'iva, aggravio di 50 euro per famiglia

Lettura in corso:

In Spagna aumenta l'iva, aggravio di 50 euro per famiglia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo Rajoy batte cassa. Sono entrate in vigore con l’inizio del mese di settembre le nuove aliquote iva in Spagna: la principale passa dal 18 al 21%, mentre quella su carne, pesce e trasporti dall’8 al 10%.

Per ogni famiglia significherà una spesa extra di oltre 50 euro all’anno.

“È molto brutto, è orribile – dice una signora intervistata al mercato di Madrid – I prezzi aumenteranno ancora di più. Prendono i soldi dalle nostre tasche”.

“Bisogna distribuire equamente gli sforzi per far in modo che non siano sempre gli stessi a pagare – aggiunge Juan, macellaio presso il Mercado de las Ventas – I sacrifici devono coinvolgere tutti, dall’alto verso il basso”.

Viene mantenuta invariata al 4% l’aliquota su generi di prima necessità e farmaci, ma non quella sui libri scolastici.

“Abbiamo dei figli e con noi vive una persona malata che non può lavorare, quindi questo aumento dell’IVA ci colpisce molto – ammette Carlos, un immigrato sudamericano – Che possiamo farci? Il governo prende le misure e non ci resta che accettarle”.

Madrid spera di ricavare dal provvedimento – annunciato lo scorso 11 luglio – circa 9,5 miliardi di euro. L’obiettivo è di ridurre il rapporto deficit-Pil al 6,5% per tornare sotto la soglia del 3% fra due anni.