ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni Usa: la bozza del programma dei repubblicani

Lettura in corso:

Elezioni Usa: la bozza del programma dei repubblicani

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono bastate poche ore per l’investitura ufficiale di Mitt Romney a candidato repubblicano nella corsa alla Casa Bianca.

Ma il primo giorno di convention a Tampa, in Florida, è stato anche l’occasione perché venisse approvato il piano di governo.

Un documento che presenta una linea politica fortemente conservatrice.

Durante la campagna elettorale, uno degli obiettivi più importanti per i repubblicani è stata la lotta alla riforma della sanità di Barack Obama.

Romney e i suoi non hanno dubbi: se vinceranno, essa sarà immediatamente fermata, anche prima della firma dell’abrogazione. Il testo prevede la creazione di una polizza sanitaria basata sulle regole del mercato assicurativo.

Per il comitato che si è occupato della stesura del testo, il sogno americano è in pericolo. Partendo da questo principio, i repubblicani promettono tolleranza zero verso l’immigrazione illegale, l’abolizione del Dream Act di Obama, il potenziamento delle misure di sicurezza alle frontiere e l’obbligo per i datori di lavoro di verificare lo statuto legale dei dipendenti.

Malgrado la polemica sulle dichiarazioni del repubblicano Todd Atkin sull’aborto, il programma di governo rimane lo stesso del 2004. Stop quindi da parte del comitato repubblicano all’aborto, anche in caso di stupro o incesto.

Il documento prevede un emendamento costituzionale che definisce il matrimonio come l’unione tra un uomo e una donna e non tra persone dello stesso sesso. Per i repubblicani, l’unico comportamento “rispettabile e assennato” è quella dell’astinenza sessuale prima delle nozze.

I programmi nucleari di Iran e Corea del Nord sono considerati le minacce più forti per gli Stati Uniti. Ecco perché il comitato repubblicano è a favore della costruzione di uno scudo antimissile, un progetto voluto da Bush e bloccato da Obama.

Anche la Cina è nel mirino, ma questa volta in termini di commercio internazionale. I repubblicani intendono aumentare la pressione diplomatica sul governo cinese, affinché esso renda meno dura la propria politica economica. Previsto anche un aumento delle tasse sui prodotti importati dalla Cina.

A livello interno, la pressione aumenterebbe anche sulla Fed, il cui ruolo diventerebbe oggetto di una revisione annuale.

Per concludere, il testo prevede una riforma del codice delle imposte, oltre che un drastico taglio delle tasse su persone fisiche e imprese.

Si tratta solo di una prima bozza. Ma essa definisce le linee che più avanti verranno adattate alle esigenze di Romney per convincere gli elettori.