ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Dutroux: Martin entra in convento a Malonne tra rabbia e polemiche

Lettura in corso:

Caso Dutroux: Martin entra in convento a Malonne tra rabbia e polemiche

Dimensioni di testo Aa Aa

La moglie del mostro libera, nel cuore della piccola comunità di Malonne. Michelle Martin, ex compagna e complice di Marc Dutroux, il mostro di Marcinelle, uscita dal carcere di Bruxelles dopo 16 anni è arrivata al convento delle Clarisse di Malonne, dove passerà il resto dei suoi giorni.

La decisione della Corte di Cassazione di rigettare i ricorsi delle parti civili contro la sua scarcerazione ha scatenato la collera nella cittadina belga.

Un centinaio di persone hanno atteso il suo arrivo per insultarla e hanno cercato di rompere le barriere delle forze dell’ordine.

La liberazione della complice di un pedofilo e assassino viene vissuta come una provocazione dai residenti e spaventa in particolare le famiglie.

“Conosco Malon sin da bambina” dice una residente. “Tutta la mia famiglia viene da qui. I miei bambini studiano qui. E abbiamo paura, paura di vedere cosa gli accadrà quando andranno a scuola. Grazie, giustizia”.

Michelle Martin potrà uscire dal convento ma non ha diritto di avvicinare le abitazione dei familiari delle vittime – 6 bambine e ragazzine tra gli 8 e i 19 anni 4 delle quali uccise. La polizia stima che la sua sorveglianza costerà 120.000 euro al mese circa.