ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: sentenza sul processo Corrie vs Tsahal

Lettura in corso:

Israele: sentenza sul processo Corrie vs Tsahal

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito israeliano è innocente. È la sentenza della Corte distrettuale di Haifa nel processo che vedeva di fronte lo Stato di Israele e Craig e Cindy Corrie, genitori dell’attivista americana Rachel attiva nell’International Solidarity Movement. La Corrie fu schiacciata il 16 marzo 2003 da un bulldozer guidato da un soldato israeliano, mentre si opponeva alla demolizione di case palestinesi a Rafah, nella Striscia di Gaza. Morì in ospedale per le ferite riportate.
I giudici hanno emesso il verdetto finale a quasi 10 anni dalla morte. Secondo loro si è trattato di una tragica fatalità. La delusione espressa in conferenza stampa dai genitori della Corrie: “Siamo estremamente tristi per quanto detto dal giudice della corte. Crddiamo che sia un brutto giorno non so0lo per noi, ma per i diritti umani in generale, per tutti, per chi credere nella legge e persino per lo stato di Israele”. La famiglia accusava lo Stato di Israele di esser responsabile dell’uccisione della giovane e aver condotto un’indagine incompleta e poco credibile. E’ quanto pensava anche l’ambasciatore statunitense a Tel Aviv, Daniel Shapiro, che ha bollato il come una «farsa» tutto il procedimento.