ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Norvegia: attesa la sentenza per il mostro di Utoya

Lettura in corso:

Norvegia: attesa la sentenza per il mostro di Utoya

Dimensioni di testo Aa Aa

Una sentenza per voltare pagina: oggi la lettura del verdetto seppellirà Anders Behring Breivik in un carcere. L’autore del massacro di Utoya e dell’attentato di Oslo ci andrà comunque, in carcere: che sia ritenuto sano di mente o meno.

“Dobbiamo voltar pagina, e penso che sia sano di mente, ma è malvagio”.

“Che lo condannino al carcere: il più a lungo possibile, cioè a vita”

“Dovrebbero metterlo in carcere, e noi potremo andare avanti con la nostra vita”

Il punto del contendere è proprio la salute mentale dell’imputato: Breivik dice di aver agito per stato di necessità, per salvare l’Europa dalla minaccia islamica. Per la procura è uno schizofrenico paranoide, ma il suo avvocato avverte:

“Se i giudici lo riterranno mentalmente disturbato, presenterà appello. Se i giudici lo condanneranno ritenendolo mentalmente sano, non chiederà il giudizio di secondo grado”.

Il mostro di Utoya, 77 vite sulla coscienza, finirà comunque nel carcere di Ila, alle porte di Oslo: se sarà ritenuto mentalmente infermo verrà attrezzato per lui un mini-ospedale, che costerà al contribuente circa 300.000 euro.
Se invece verrà considerato sano sarà incarcerato per 21 anni, rinnovabili se ritenuto ancora pericoloso. Finora gli sono state assegnate tre celle di otto metri quadri ciascuna.