ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Accolti da eroi per gli attivisti cinesi sbarcati sulle isole contese

Lettura in corso:

Accolti da eroi per gli attivisti cinesi sbarcati sulle isole contese

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono stati accolti da eroi al porto di Hong Kong gli attivisti cinesi sbarcati sulle isole contese con il Giappone. Via mare sono arrivati in sette – gli altri sette sono rientrati in patria in aereo – e sono stati salutati con una festa al grido di slogan di condanna contro le autorità nipponiche.

Lo Chau, proprietario dell’imbarcazione protagonista dell’impresa ha dichiarato: “Il mio sogno è rimasto tale perché per 16 anni ho partecipato a questo movimento e voglio davvero mettere piede sulle isole Diaoyu. Ma stavolta ho inviato sette dei miei fratelli, e io invece sono rimasto sulla barca per portare a termine il mio lavoro”.

Senkaku in Giapponese, Diaoyu in cinese l’arcipelago nel Mare Cinese Orientale è al centro di una lunga disputa internazionale tra Giappone, Cina e Taiwan. Disabitato, sotto amministrazione nipponica, di notevole importanza strategica, è bagnato da acque pescose con fondali ricchi – si pensa – di idrocarburi.

Il recente sbarco da parte degli attivisti cinesi – arrestati e rilasciati dalle autorità nipponiche – potrebbe essere solo un assaggio di un confronto più aspro. Senza considerare il rischio di un vero e proprio conflitto tra le due principali economie asiatiche, che aprirebbe punti interrogativi come il ruolo degli Stati Uniti, obbligati per trattato a un intervento militare per difendere il terrirorio giapponese.