ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: stupro e aborto. Le gaffe di Akin che colpiscono Romney

Lettura in corso:

Usa: stupro e aborto. Le gaffe di Akin che colpiscono Romney

Dimensioni di testo Aa Aa

Spararle grosse è un conto. Ma spararle grosse su aborto e stupro nel pieno della campagna elettorale per la Presidenza degli Stati Uniti non è cosa da tutti. Barack Obama ha reagito duramente, ma forse anche gioito per la figuraccia repubblicana, alle affermazioni quanto meno bizzarre di Todd Akin, senatore repubblicano del Missouri.

“Da quanto ho sentito dai medici” ha detto a una tv locale “rimanere incinta dopo uno stupro è un fatto decisamente raro. In caso di stupro vero e proprio, il corpo femminile può fare in modo di evitare la gravidanza. Ma nel caso remoto in cui si dovessero verificare queste gravidanze, le conseguenze dovrebbero essere per lo stupratore, non per il feto”.

Un’uscita che mette in imbarazzo Mitt Romney. Il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha avuto il suo dire nel prendere le distanze e condannare le bizzarre teorie di Akin. Ma questi non solo è uomo vicino al candidato alla vicepresidenza Paul Ryan, ma nonostante l’ammenda ha rifiutato le dimissioni.