ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, la giapponese Yamamoto è la quinta reporter straniera uccisa

Lettura in corso:

Siria, la giapponese Yamamoto è la quinta reporter straniera uccisa

Dimensioni di testo Aa Aa

L’inviata dell’agenzia Japan press Mika Yamamoto, uccisa ad Aleppo per seguire gli scontri, è solo l’ultima reporter straniera a perdere la vita nel conflitto siriano.

Il ministero degli Esteri giapponese ha confermato la sua morte, ad identificarla è stato Kazutaka Sato, collega e marito che si trovava con lei: “Mika è mia moglie, ho trascorso con lei 15 anni di vita. Lei è mia moglie. Noi giornalisti abbiamo il dovere di raccontare al mondo intero quello che sta succedendo in Siria.”

Dall’inizio della rivolta cinque giornalisti stranieri, secondo Reporter senza frontiere, hanno perso la vita in Siria. Due reporter arabi e uno turco sono dispersi.

“I giornalisti che vengono qui lo fanno sotto la propria responsabilità e della nazione che rappresentano” dice il comandante dei ribelli.

Il conflitto non risparmia neanche i siriani, 8 tra operatori e giornalisti sono rimasti uccisi, secondo l’agenzia ufficiale Sana è in atto una “nuova aggressione contro la stampa nazionale”. Qualche giorno fa sotto attacco è finita la tv di Stato a Damasco e a fine giugno un canale satellitare pro Assad.