ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grave epidemia di colera in Sierra Leone e Guinea

Lettura in corso:

Grave epidemia di colera in Sierra Leone e Guinea

Dimensioni di testo Aa Aa

Epidemia di colera in Sierra Leone e in Guinea, favorita dalle precarie condizioni igieniche delle bidonville e dalla stagione delle piogge.
 
Da febbraio, sono oltre 13 mila i malati ricoverati d’urgenza nelle due capitali, Freetown e Conakry.
 
Dall’ultimo contagio di vaste dimensioni, nel 2007, la popolazione è diventata sempre più vulnerabile di fronte alla malattia. E i casi, rispetto ad allora, sono raddoppiati.
 
“Piangono per gli spasmi, i loro piedi, persino le loro mani sono presi dai crampi”, spiega Fatmata Kargbo, infermiera di Msf, “Stanno crollando, hanno capogiri. Alcuni dicono: voglio morire, sono troppo stanco di questa malattia. E così alla fine della giornata alcuni di loro muoiono”.
 
“Mi sento veramente male”, conferma un malato, “è come se stessi per morire, allo stesso livello”.
 
Per far fronte al numero crescente di pazienti, organizzazioni umanitarie e autorità sanitarie locali stanno moltiplicando i centri di reidratazione e gli ospedali da campo.
 
Medecins sans frontieres parla di un focolaio endemico lungo la costa dei due paesi che, favorito dall’ambiente acquatico, ha già ucciso almeno 250 persone.
 
L’infezione si propaga anche attraverso il cibo, aggravata dalla scarsa igiene e dalla carenza di sistemi fognari e di depurazione.
 
Nel 2011 l’Africa ha visto 85 mila casi di colera e 2500 morti.