ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: minisanatoria per gli immigrati irregolari

Lettura in corso:

USA: minisanatoria per gli immigrati irregolari

Dimensioni di testo Aa Aa

Negli Stati Uniti si allenta la morsa attorno agli immigrati irregolari. Il presidente Barack Obama ha deciso di lanciare un programma che permetterà a giovani immigrati senza permesso di soggiorno, di ottenere, previa registrazione, un permesso biennale che consentirà loro di uscire dall’irregolarità e trovare un lavoro. Un palliativo secondo i critici, che però ha provocato una valanga di richieste e file chilometriche. “Sono colombiano” dice un giovane, “sono nato laggiù e ci sono rimasto fino all’età di 11 anni. Poi mia madre mi ha portato qui per vivere il sogno americano”
Aggiunga una ragazza: “Qui la gente non ci considera americani. Ma noi lo siamo. Siamo cresciuti qui e questo è il nostro Paese”

Le regole per accedere a questo permesso temporaneo sono abbastanza stringenti, non bisogna avere precedenti penali, essere di età compresa fra i 16 e i 30 anni e il permesso sarà biennale, ma dovrebbe interessare fino a un milione e 700.000 persone che potrebbero emergere e pagare anche le tasse. Obama ha tenuto però a precisare che: “questa non è un’amnistia. È una cosa temporanea per cercare di guidare giovani talentuosi, volenterosi e patriottici”. Secondo i repubblicani però, il tempismo di questa misura, a ridosso delle elezioni, è quantomeno sospetto, e sembra troppo un’operazione per attirare il voto delle minoranze ispaniche a favore del presidente uscente.

Un fatto comunque positivo per i professionisti del settore: “Molti di questi ragazzi non hanno uno status. Socialmente non esistono. Non possono avere una patente, un lavoro. Passare da non avere niente ad avere diritti è comunque un passo avanti anche se temporaneo”. Una legge che potrebbe però, essere revocata da un’amministrazione repubblicana contraria a qualsiasi sanatoria, troppo puntuale per non essere considerata una mossa elettorale.