ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cittadinanza e identità europea, quale valore per i cittadini?

Lettura in corso:

Cittadinanza e identità europea, quale valore per i cittadini?

Dimensioni di testo Aa Aa

Ringraziamo il ISCPA

Domanda di Laetitia, Corsica, Francia:“Si parla spesso d’identità europea, e oggi si dice che bisogna essere prima europei e poi francesi. Vorrei sapere cosa sia esattamente l’identità europea e cosa rappresenta per noi?”.

Risponde Pascal Dewitt, Professore di Scienze Politiche dell’Università libera di Bruxelles:“A livello europeo, ma anche nazionale, esiste un certo numero di persone che promuovono l’idea d’identità, di cittadinanza europea. Questo non significa che la cittadinanza europea venga prima di quella nazionale. Le due possono viaggiare insieme. Anzi, a volte a queste si aggiunge anche quella regionale. Accade lo stesso anche negli Stati Uniti dove i cittadini si sentono allo stesso tempo americani, ma anche dello Stato da cui provengono.
La cittadinanza europea esiste già parzialmente da un punto di vista politico: i cittadini europei, possono votare per le elezioni europee nel loro Paese di residenza, ma anche per le elezioni amministrative. E questo anche se il Paese di residenza è diverso da quello di origine. Un finlandese che vive in Corsica può, se lo desidera, votare per le elezioni municipali in Corsica.
Ci sono anche altre elementi che provano ad avvicinare al concetto di cittadinanza quello d’identità europea:si tratta della bandiera e dell’inno europeo. Ma esistono anche dei tentativi di costruire una cittadinanza europea sociale.
Si dovrebbe andare verso una situazione di co-esistenza tra diverse identità. Una cittadinanza europea, una nazionale, una regionale, ma anche come spesso accade anche una cittadinanza comunale. Il forte attaccamento con la propria città, il proprio comune di residenza, è qualcosa d’importante per i cittadini europea+.

Se volete fare la vostra domanda su Italk, cliccate qui.