ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Australia: fumo, sì dell'Alta Corte ai pacchetti senza pubblicità

Lettura in corso:

Australia: fumo, sì dell'Alta Corte ai pacchetti senza pubblicità

Australia: fumo, sì dell'Alta Corte ai pacchetti senza pubblicità
Dimensioni di testo Aa Aa

L’Australia vince la lotta contro il marketing delle sigarette e lancia un modello per altri Paesi nel mondo. Dal primo dicembre i pacchetti saranno tutti uguali, restano i marchi, ma impressi tutti con lo stesso carattere, accanto a messaggi forti sui rischi del fumo. L’Alta Corte di Sidney, con sentenza definitiva, ha respinto così il ricorso dei produttori di sigarette.

Il ministro della salute ha parlato di svolta nel controllo del tabacco nel mondo. “E’ una vittoria per tutte le famiglie che hanno perso una persona cara a causa di malattie legate al fumo”, afferma Tanya Plibersek. “Questa decisione è per tutti coloro che hanno subito un lutto, è per voi”.

In Australia circa 15000 persone all’anno muoiono a causa del fumo, il governo vuole ridurre il numero dei fumatori dal 15 al 10 per cento della popolazione entro il 2018.

“E’ una buona idea, ma non so se funzionerà”, dice un signore. “Non credo, visto che chi fuma continuerà a farlo, nonostante quello che c‘è scritto sul pacchetto. Non deve avere un marchio, ma comunque viene venduto e quindi che differenza c‘è?”.

L’iniziativa è seguita con attenzione da altri Paesi, come Canada, Norvegia, Nuova Zelanda, India e Regno Unito. Altri Stati come l’Honduras, l’Ucraina e la Repubblica Dominicana si sono rivolti all’OMC, sostenendo che la legge australiana ostacoli il commercio.