ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: vertice Paesi islamici. Damasco ancora sotto le bombe

Lettura in corso:

Siria: vertice Paesi islamici. Damasco ancora sotto le bombe

Dimensioni di testo Aa Aa

Mahmoud Ahmadinejad cerca di salvare l’alleato Bashar al Assad. Dopo il fallimento delle diplomazie arabe e occidentali, i Paesi islamici si incontrano questo martedì a La Mecca per trovare una via d’uscita alla crisi siriana.

L’Iran vuole impedire ai sunniti, appoggiati da Qatar e Arabia Saudita, di rovesciare il regime.

“Ci auguriamo che, con la grazia di Dio, questo incontro sia conciliante – ha detto il presidente della republica islamica prima di lasciare Teheran – o che almeno si mettano da parte l’odio e l’inimicizia per negare ogni vantaggio al nemico”.

Il regime siriano, intanto, cerca di spezzare la resistenza ad Aleppo e torna a colpire Damasco intensificando i bombardamenti aerei. Almeno 150 le vittime nelle ultime 24 ore. La responsabile dell’Onu per gli affari umanitari, Valerie Amos, sta raggiungendo il Paese per constatare di persona il massacro dei civili.

“La violenza è in aumento in molte parti della Siria – ha detto Acar Gaye, capo della missione militare dell’Onu in Siria – L’uso indiscriminato di armi pesanti da parte del governo e gli attacchi mirati da parte dell’opposizione nei centri urbani stanno provocando la morte di tanti civili”.

Un caccia governativo è precipitato nell’est del Paese. Un problema tecnico secondo la tv di Stato, un mig abbattuto dai ribelli replica l’opposizione.

L’episodio potrebbe indicare che gli insorti ora dispongono di missili terra-aria.