ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama contro Ryan: sfida su tasse e sanità

Lettura in corso:

Obama contro Ryan: sfida su tasse e sanità

Dimensioni di testo Aa Aa

Barack Obama all’attacco di Paul Ryan. A due giorni dalla ufficializzazione del ticket repubblicano, il partito Democratico critica la politica ultra-liberale del candidato avversario alla vicepresidenza.

Le prossime elezioni – ha detto il presidente – non sono solo una scelta fra due candidati, sono una scelta fra due diverse visioni del Paese.

“Hanno cercato di venderci i sostegno ai redditi alti come polvere di fata. E indovinate un po’, non ha funzionato – ha aggiunto il capo della casa Bianca – Questo piano non riduce il deficit, non crea posti di lavoro, non rilancia la classe media, non fa progredire la nostra economia”.

I repubblicani brindano alla scelta di Ryan che avvicina Romney al Tea Party. Il partito dell’Elefante cerca di sfondare a destra, polarizzando lo scontro. Una mossa che produce subito un risultato: nelle 24 ore successive alla nomina, Romney ha raccolto per la sua campagna elettorale più di tre milioni di dollari.

“Signor Presidente, esca allo scoperto. Parliamo dei veri problemi da affrontare – ha replicato il candidato del partito dell’Elefante – La gente sta attraversando un periodo difficile e vuole sapere quando tornerà la vera America. Se avrà una nuova leadership”.

Lo scontro è su tasse e sanità. I repubblicani sono per semplificare il sistema fiscale e dicono no all’assicurazione sanitaria per tutti.

I sondaggi premiano Obama che però avverte: “Non siamo Bolt, dobbiamo correre fino al nastro”.