ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ilva di Taranto: "governo farà ricorso alla Consulta"

Lettura in corso:

Ilva di Taranto: "governo farà ricorso alla Consulta"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo italiano è pronto a fare ricorso alla Corte costituzionale contro la sentenza che sospende la produzione all’Ilva di Taranto.

Mario Monti interviene direttamente per scongiurare
la chiusura dell’impianto siderurgico per danni ambientali e invia in Puglia i ministri di Ambiente, Sviluppo e Giustizia.

Una decisione che segue quella del Gip di Taranto di revocare al presidente dell’Ilva il ruolo di custode giudiziario, un atto interpretato come un passo verso la chiusura.

Il ministro della Giustizia, Paola Severino, chiede l’acquisizione degli atti e gli operai attendono l’esito dello scontro tra esecutivo e tribunale di Taranto.

“Noi purtroppo siamo operai – spiega una lavoratore dell’Ilva – Vogliamo garantirci il posto di lavoro, però nelle condizioni in cui stiamo non possiamo fare nessun passo”.

“Per oggi non c‘è nessuno che ci ha detto che dobbiamo chiudere – aggiunge un altro operaio – Poi domani vedremo. Ora non so”.

Alcuni sindacati appoggiano la linea del governo. Sul tavolo ci sono 20mila posti di lavoro in una città dove la disoccupazione supera il 15%, ma anche i casi di tumore sono del 15% più numerosi che nel resto del Paese.