ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia: protesta anti-governo a Sidi Bouzid, 5 fermi

Lettura in corso:

Tunisia: protesta anti-governo a Sidi Bouzid, 5 fermi

Dimensioni di testo Aa Aa

“Basta ipocrisia. No al regime”. Ad oltre una anno dalla rivoluzione che ha rovesciato Ben Alì, in Tunisia ritorna la protesta di piazza.

I disordini sono scoppiati a Sidi Bouzid, dove circa mille manifestanti hanno chiesto le dimissioni del governo espressione del partito islamico Ennahda.

Sidi Bouzid è la città dove il 17 dicembre 2010 si diede fuoco per protesta Mohammed Bouazizi, un giovane laureato disoccupato: il suo gesto innescò la Rivoluzione dei Gelsomini.

Già nella mattinata una prima manifestazione – di fronte al palazzo del governo regionale – era stata dispersa con la forza dalla polizia che ha fatto ricorso a gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

Un manifestante, colpito, è stato ricoverato in ospedale, al pari di altre quattro persone intossicate dai gas. Almeno cinque persone sono state fermate per turbativa dell’ordine pubblico.

Le forze di opposizione accusano il governo di una deriva autoritaria ed islamista e di non aver agito abbastanza per risolvere la piaga della disoccupazione.

La piazza chiede lo scioglimento del governo e dell’Assemblea Costituente, reclamando nuove elezioni.