ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Setta delle catacombe: incriminati alcuni membri

Lettura in corso:

Setta delle catacombe: incriminati alcuni membri

Dimensioni di testo Aa Aa

Russia: incriminati quattro membri della setta delle catacombe per maltrattamenti a minori.

Nei sobborghi di Kazan, in Tatarstan, decine di persone vivevano sottoterra da un decennio, per non essere corrotti dal mondo esterno.

Solo alcuni di loro potevano uscire per lavorare. Per il resto, era una comunità chiusa, distribuita in celle e cunicoli su otto livelli, senza acqua corrente e finestre, in condizioni igieniche precarie.

“C‘è un labirinto con piccoli spazi da due metri per tre”, ha detto Ranis Bakhitov della polizia di Kazan, “Qui vivevano oltre sessanta adulti e circa quindici bambini”.

Dopo la scoperta del bunker, avvenuta per caso nel corso di un’indagine, i servizi sociali e la polizia si sono fatti carico dei minorenni ricoverandoli tutti in ospedale. Alcuni di loro non avevano mai nemmeno visto la luce.

“Non si può vivere così: i bambini non vanno a scuola, non sono educati, non hanno controlli medici”, commenta un vicino di casa, “Come cresceranno in questa maniera?”.

Tra gli incriminati, il leader della setta, 83 anni, Faizrakhman Satarov, già allontanato dalla comunità musulmana locale per fanatismo.

È accusato anche del reato di arbitrarietà, per essersi fatto le proprie regole contrarie alla legge russa.