ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: carri armati nel Sinai, distrutti i tunnel per Gaza

Lettura in corso:

Egitto: carri armati nel Sinai, distrutti i tunnel per Gaza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo egiziano invia carri armati e soldati nel Sinai per chiudere i tunnel che collegano la penisola alla Striscia di Gaza.

Un’operazione che ha causato nuovi scontri fra la
polizia e i miliziani vicino alla città di al-Arish, capoluogo della regione.

La zona era stata demilitarizzata dopo gli accordi con Israele del 1979. Ma il governo del Cairo ha deciso per il pugno di ferro all’indomani l’uccisione di 16 guardie da parte di un commando armato. I terroristi erano arrivati da Gaza per infiltrarsi in Israele, dove sono stati neutralizzati.

“Questo soffocherà il popolo palestinese perché ci mette sotto pressione – spiega un abitante della Striscia – Speriamo che il governo egiziano, il governo della rivoluzione, mostri misericordia verso queste persone, che non hanno colpa per quanto accaduto”.

La crisi mostra innanzitutto le prime crepe nel duopolio composto dal neo presidente egiziano Mohammed Morsi e la Giunta militare. Molti analisti credono che Morsi avrebbe preferito astenersi da misure di punizione collettiva contro gli abitanti di Gaza, ipotizzando che il capo del Consiglio militare, Hussein Tantawi, gli abbia imposto invece la linea della fermezza.