ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina: la moglie di Bo Xilai in aula non contesta l'imputazione di omicidio. Atteso il verdetto

Lettura in corso:

Cina: la moglie di Bo Xilai in aula non contesta l'imputazione di omicidio. Atteso il verdetto

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ durato solo sette ore il processo a
Gu Xilai, moglie dell’ex dirigente e figura di spicco del Partito Comunista Cinese Bo Xilai ora caduto in disgrazia.

Protagonista di uno dei processi piu’ sensazionali della Cina degli ultimi decenni, la donna non ha contestato l’imputazione di omicidio a suo carico. I giudici non hanno ancora emesso il verdetto.

La procura ha confermato le accuse di omicidio formulate a suo carico sostenendo che Gu, intraprendente avvocatessa in carriera avrebbe avvelenato l’imprenditore britannico Neil Heywood, trovato cadavere lo scorso novembre in un albergo di Londra.

L’uomo era amico e in affari con Gu e il marito. Poi sarebbero nati dissapori e contrasti che avrebbero convinto la donna a toglierlo fisicamente di mezzo.

In Cina il processo ha suscitato reazioni opposte.

“Dovrebbe esserle garantito il diritto ad avere il suo avvocato e con il suo aiuto a potersi difendere dai media. “

“Dovrebbe semplicemente accettare la condanna dopotutto ha commesso un omicidio dovrebbe essere trattata come tutti “

Joseph Cheng, professore all’Università di Hong Kong sostiene che molto probabilmente la donna non sarà condannata alla pena capitale:
“La pena di morte è quasi esclusa grazie alla buona condotta e al fatto che ha detto che non ricorrerà in appello. “

Molti cinesi credono che il vero obbiettivo del processo sia gettare discredito su suo marito, politico ambizioso che voleva entrare nel comitato ristretto del Partito Comunista Cinese e che per questo si è fatto molti nemici.

Bo Xilai è stato destituito come responsabile regionale del partito comunista dopo che la polizia ha arrestato la moglie accusandola di omicidio.

Bo Xilai è a sua volta detenuto per violazioni alla disciplina del partito.

Il processo dovrebbe svolgersi molto rapidamente per evitare interferenze con il Congresso del partito previsto per ottobre.

Il Professore Yang Zhaohui dell’Università di Pechino sostiene che il processo influirà sulla percezione che hanno i cinesi del Partito Unico.

“Quando i cittadini cinesi conosceranno tutti i dettagli di questa vicenda, l’immagine del Partito Comunista e il peso che ha cambieranno. Questo caso ne incrina la legittimità a modifica il modo in cui i cinesi vedono e sostengono il partito”

Il processo a Gu è il piu’ esplosivo da quando la banda dei Quattro fu considerata colpevole di attività contro il partito durante la Rivoluzione Culturale, tra il 1966 e il ’67.