ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'aiuto internazionale per i campi profughi siriani

Lettura in corso:

L'aiuto internazionale per i campi profughi siriani

Dimensioni di testo Aa Aa

Impotente di fronte alla crisi siriana, la comunità internazionale cerca almeno di aiutarne la popolazione in fuga.

Quasi 300 mila i siriani già ospiti dei quattro campi profughi allestiti dai paesi vicini.

Zaatari, nel nord della Giordania, può accoglierne fino a 120 mila.

“Avremo prefabbricati, simili a quelli dietro di me, che sostituiranno le tende a causa della polvere e del vento”, ha dichiarato il ministro degli esteri giordano, Nasser Judeh, “Vogliamo fornire ai rifugiati ogni comfort possibile e ogni servizio necessario”.

Ma servono fondi, avvertono le organizzazioni umanitarie, altrimenti i campi non potranno far fronte in maniera adeguata ai bisogni alimentari, logistici e sanitari del numero sempre crescente di rifugiati.

L’ambasciatore statunitense Stuart E. Jones, venuto in visita, risponde con aiuti per 50 milioni di euro, di cui 9 destinati al campo giordano.

La Gran Bretagna intende quadruplicare il suo sostegno, mentre l’Unione europea stanzia altri 20 milioni di euro, portando così a 63 milioni il suo contributo complessivo.