ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: maxi-retata contro l'immigrazione clandestina, 1600 i rimpatri

Lettura in corso:

Grecia: maxi-retata contro l'immigrazione clandestina, 1600 i rimpatri

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ la maggior retata mai compiuta dalla polizia greca contro l’immigrazione clandestina. Seimila cittadini stranieri sono stati fermati negli ultimi giorni ad Atene sospettati di ingresso illegale in Grecia.

All’operazione – denominata impropriamente Xenios Zeus, il Dio dell’ospitalità – hanno preso parte quattromila e cinquecento agenti di polizia. Tra i fermati, oltre mille e seicento sono stati trovati sprovvisti di documenti e avviati in centri di detenzione dai quali saranno rimpatriati verso i paesi di provenienza. Tutti gli altri, in regola con il visto d’ingresso in Grecia sono stati rilasciati.

“Ripulire le strade elleniche” era uno degli obiettivi della campagna elettorale del nuovo Governo.

Nikos Dendias, Ministro dell’Ordine Pubblico:
“Chiedo a ciascuno di voi di sostenerci nel compito di cancellare dalla vita di tutti i giorni scene che offendono i nostri costumi sia ad Atene che in tutte le altre regioni del paese”.

Il quinto anno successivo di recessione e una disoccupazione record hanno alimentato il risentimento nei confronti degli immigrati, accusati di rubare il poco lavoro che c‘è e di portare nel paese disordine e criminalità.

Per i movimenti antifascisti il governo calvalca il risentimento. Tassos Anastasiades, Movimento Antifascista KEERFA: “Il Governo sta facendo leva sul razzismo. In questo modo tentano di distrarre i cittadini da quel che accade nelle loro tasche ogni giorno. E’ fin troppo facile accusare gli immigrati per tutto quel che non va in Grecia.”

Un’ondata di xenofobia soffia sul Partenone. Il partito di estrema destra Alba Dorata alle ultime elezioni ha ottenuto 440 mila voti, il 7%, e 21 parlamentari.Il loro slogan: la Grecia è dei greci.

In questo clima, aggressioni ai danni di migranti si ripetono con preoccupante frequenza. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha denunciato l’ondata xenofoba nel paese e i pochi sforzi per contenerla.

Le autorità greche calcolano che un milione di migranti viva in Grecia di cui 500 mila senza documenti. Ogni anno in centomila entrano in Grecia dopo aver attraversato il confine con la Turchia in cerca di un avvenire migliore nei Paesi europei.