ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: bomba contro la Tv di stato e premier in fuga

Lettura in corso:

Siria: bomba contro la Tv di stato e premier in fuga

Dimensioni di testo Aa Aa

Una bomba ha colpito in mattinata la sede della tivù di stato siriana, nel centro di Damasco.

Un’esplosione attestata dalle immagini girate dall’emittente privata pro-governativa Al-Ikhbariya.

“Nessun morto, solo alcuni dipendenti feriti”, ha detto il ministro dell’Informazione, Muhammad az Zubi, che accusa Qatar, Arabia Saudita e Israele di essere dietro all’attacco e di sostenere i ribelli che si oppongono al presidente Bashar al Assad.

“Le immagini sono più forti delle parole”, ha dichiarato un responsabile della televisione, “È questa la libertà, la democrazia? Sono queste le riforme che vogliono? Tutto questo è espressione della loro religione e del loro modo di fare”.

Ingenti i danni ma le trasmissioni non saranno interrotte, fanno sapere dalla Tv.

E intanto continuano le defezioni ai vertici: il premier Riad Hijab è scappato in Giordania con la famiglia, schierato con i ribelli contro quello che definisce il sanguinoso regime del terrore di Bashar al Assad.

Arrestato invece prima della fuga il ministro delle finanze, Muhammad Jleilati.